Double opt-in per le newsletter

Immagine simbolica newsletter via e-mail

Immagine simbolica newsletter via e-mail

Newsletter sicure Double opt-in per le newsletter

Pubblicato il 18.01.22 da Cynthia Rousseau, Digital Commerce Trainee, Posta CH SA

A ottobre 2019 in Europa è entrata in vigore la legge sull’obbligo del double opt-in, che però non trova applicazione in Svizzera. Perché vale la pena di introdurre questa funzione anche nel nostro paese?

Da ottobre 2019, in Europa vige l’obbligo del double opt-in per l’invio di newsletter.

In cosa consiste l’iscrizione mediante double opt-in?

La procedura del double opt-in prevede che la persona abbonata riceva un’e-mail subito dopo l’iscrizione alla newsletter.

In questa e-mail viene richiesto di confermare l’iscrizione cliccando su un link.

L’obiettivo è evitare che terzi riescano in qualche modo ad abbonare altre persone a newsletter indesiderate, senza il loro consenso.

Facciamo un esempio: l’atteggiamento di superiorità del mio collega mi irrita talmente tanto che voglio divertirmi a provocargli qualche grattacapo fastidioso. Visito diversi siti web e mi abbono a tutte le newsletter registrando il suo indirizzo e-mail.

Così riceverà una miriade di newsletter del tutto indesiderate, che dovrà suo malgrado disdire singolarmente.

Questa regolamentazione si applica anche in Svizzera?

No, attualmente questo regolamento non è previsto nel nostro paese.

Tuttavia, presto potrebbe diventare motivo di discussione anche in Svizzera, in quanto la nostra attuale Legge federale sulla protezione dei dati deve essere rivista e la legislazione dell’UE è spesso fonte d’ispirazione.

L’introduzione di questo tipo d’iscrizione è consigliabile per la Svizzera?

Assolutamente sì.

Anche se tutte le persone abbonate alla newsletter sono residenti in Svizzera, si raccomanda d’introdurre la procedura del double opt-in per evitare di dover ricorrere in fretta e furia ad adeguamenti in caso di modifiche al regolamento sulla protezione dei dati.

Cosa fare se alcuni abbonati sono residenti nell’UE?

Se la newsletter viene già inviata a persone residenti nell’UE, occorre procedere fin da subito all’iscrizione mediante double opt-in.

Qualora la newsletter non sia ancora conforme al RGPD, bisogna provvedere quanto prima a tutti gli adeguamenti del caso.

ATTENZIONE: l’approvazione deve essere richiesta a posteriori anche alle persone che risultano già abbonate.

Il modo più semplice e sicuro per farlo è inviare un link ai destinatari in questione, affinché possano confermare di voler continuare a ricevere la newsletter.

Anche se qualcuno decidesse di disdire l’abbonamento, si perderebbero probabilmente utenti inattivi o non interessati che non desiderano più di ricevere aggiornamenti.

Altri consigli utili

In generale conviene utilizzare la cancellazione mediante double opt-out per ridurre leggermente il tasso di disdetta della newsletter. Gli utenti sono infatti chiamati a confermare ulteriormente la loro decisione con due click anziché uno e sono così indotti a tornare sui propri passi.

 

Condividi su

Cynthia Rousseau, Digital Commerce Trainee, Posta CH SA

Cynthia Rousseau lavora come trainee nel team Digital Commerce della Posta. In questa funzione affianca i commercianti nell’ulteriore sviluppo del loro grado di maturità digitale. Fornisce inoltre assistenza in materia di consulenza strategica nell’ambito della digitalizzazione fino alla pianificazione della soluzione.

Portrait Cynthia Rousseau

((commentsAmount)) Commenti

Si è verificato un errore durante la richiesta.
  • (( comment.firstname )) (( comment.lastname )) (( comment.published )) (( comment.content ))

Contattateci

Avete domande per i nostri esperti o avete bisogno di una consulenza? Siamo a vostra disposizione!

Vi preghiamo di contattarci